Expo 2020

Attrazioni sbalorditive, esperienze mirabolanti, architetture futuristiche vi attendono a Expo Dubai 2020, il più grande show al mondo.

Pronti per il più grande show del mondo ovvero l’Esposizione Universale? Milano 2015 sembra conclusasi ieri, invece è già arrivato il momento di una nuova edizione e sarà un’edizione storica. Expo 2020 si tiene a Dubai e sarà la prima prima esposizione universale in un paese del MEASA (Medio Oriente, Africa, Asia del Sud).

Se mai avessero bisogno di presentazione, gli Expo sono i megaeventi organizzati dal BIE (Bureau International des Expositions) che si tengono ogni 5 anni e che nel corso dei secoli ci hanno lasciato in eredità opere iconiche come la Torre Eiffel di Parigi e l’Atomium di Bruxelles o invenzioni che sono entrate a far parte della nostra quotidianità come il cono gelato (!), le TV commerciali e il touchscreen.

Il 2020 è l’anno del Gold Jubilee degli Emirati Arabi Uniti in cui si festeggia il 50esimo anniversario di nascita dello stato: il 2 dicembre 1971 è infatti la data in cui ottenne l’indipendenza dal Regno Unito. L’evento che consacra Dubai come una città al centro di una rete di connessioni globale è la migliore celebrazione possibile di questa storica data per il ricco paese del Golfo Persico.

Sono più di 200 i participanti (di cui 190 già confermati), un numero che comprende paesi, organizzazioni multilaterali, aziende e istituzioni scolastiche. Si attendono 25 milioni di visitatori di cui solo un 30% nazionali. Unitevi a quel 70% di visitatori internazionali che non attendete il futuro, lo vuole vedere a Expo Dubai 2020, il più grande evento dei 5 anni a venire.

Expo 2020: date e programma

Expo 2020 si terrà dal 20 ottobre 2020 al 10 aprile 2021. Il programma è al momento in via di definizione e verrà pubblicato sul sito ufficiale appena disponibile.

Il tema dell’Expo di Dubai

Il tema di Expo 2020 è “Connecting minds, Creating future” (in italiano “Connettere le menti, Creare il futuro”). L’idea di base che ha portato alla scelta del tema è la convinzione che oggi più che mai l’umanità deve ritrovarsi insieme e ricordare ciò che ci unisce e che ci rende più forti al fine di creare un futuro migliore.

L’Esposizione Universale di Dubai si presenta come una megavetrina dei migliori esempi di collaborazione, innovazione e cooperazione da tutto il mondo.

Dove si tiene l’Expo

L’Expo 2020 si terrà presso il Dubai trade Center-Jebel Ali, un nuovo quartiere fieristico di 4,38 kmq allestito in una zona di Dubai sud.

Fino a pochi anni completamente desertica, è oggi una zona strategica, circa a metà strada tra il centro di Dubai e quello di Abu Dhabi, la capitale degli Emirati Arabi Uniti.

Come arrivare all’Expo

Il sito fieristico di Expo 2020 si trova a una considerevole distanza dal centro storico di Dubai. La zona su cui sorge è adiacente al nuovo aeroporto internazionale di Dubai Al Maktoum (chiamato anche Dubai World Central) e facile da raggiungere anche dall’altro scalo cittadino (il Dubai International Airport), dall’aeroporto e dal porto crociere di Abu Dhabi.

È prevista la costruzione della modernissima metropolitana Metro Route 2020 in grado di trasportare 36.000 passeggeri all’ora con partenza da Dubai Marina e fermata in corrispondenza dell’ingresso al polo fieristico. Sarà questo il mezzo più rapido per arrivare a Expo 2020.

Potrebbe anche essere possibile raggiungere il sito di Expo 2020 in autobus: sono previsti miglioramenti alla linea di bus pubblici per garantire la copertura del territorio in occasione dell’evento. Il progetto comprende la costruzione di 14 nuove stazioni autobus, miglioramenti alle stazioni esistenti e il potenziamento delle corse bus da/per i due aeroporti cittadini.

In alternativa si può raggiungere il sito dell’Expo in taxi, ma la corsa è piuttosto lunga (circa 30 minuti dal centro) e di conseguenza il prezzo piuttosto alto.

All’interno del polo fieristico sarà possibile muoversi agevolmente a piedi.


Cosa visitare all’Expo

Video di Expo 2020

Expo 2020 non è un evento dedicato solo alle aziende e agli uomini di affari in cerca di opportunità di business o agli accademici e i inventori che vogliono scambiarsi idee e progettualità.

Immaginatelo più come un gigantesco parco divertimenti all’interno del quale trovare ogni sorta di esperienze e attrazioni. Business, istruzione, ricerca ma anche intrattenimento, arte e persino artigianato trovano spazio all’interno di questo immenso contenitore chiamato Expo Dubai 2020.

Passeggiando all’interno dell’area fieristica vi imbatterete in architetture e installazioni strabilianti ad ogni angolo, nello schermo di proiezione 360° più grande al mondo, in una torre con osservatorio panoramico rotante dalla quale potrete ammirare una vista mozzafiato sui padiglioni dell’evento, parchi da più di 8000 persone.

Al Wasl Plaza

Il progetto dell’area fieristica è ispirato al souk, i mercati tipici dei paesi arabi dove a ogni merce viene dedicato un settore specifico.

Il cuore dell’area fieristica sarà una grande piazza centrale, che nei paesi arabi così come in quelli occidentali è il centro nevralgico della vita cittadina: luogo di incontri e scambi per eccellenza. La piazza centrale di Expo 2020 è stata denominata Al Wasl Plaza dall’antico nome di Dubai e significa “connessione”.

Da questa piazza si estendono tre strutture che viste dall’alto sembrano enormi petali, destinate ad ospitare i padiglioni più grandi. I padiglioni più piccoli verranno invece ospitati nella piazza.

Padiglioni tematici

Sono 3 le aree tematiche in cui si declina il tema principale dell’evento: Opportunità, Mobilità e Sostenibilità. A ciascuno di questi è stato dedicato un intero padiglione; altri importanti padiglioni tematici sono il Padiglione di Benvenuto e il Padiglione dell’Innovazione.

Il Padiglione delle Opportunità vuole porre l’accento su come le azioni di ogni persona possano avere un notevole impatto sulla collettività. Grazie a piccole azioni ognuno di noi può diventare agente del cambiamento e costruire un futuro migliore per tutti.

Questo sorprendente edificio è interamente costruito con materiali naturali tra cui 2500 tonnellate di pietra e 111 km di corda.

La Mobilità celebrata nel padiglione omonimo va intesa sia come spostamento fisico che digitale: spazio quindi al viaggio, alla connettività e alla logistica. All’interno di questo padiglione il progresso umano viene mostrato attraverso mirabolanti esperienze interattive che ricreano il passato e immaginano il futuro. Non perdete l’occasione di provare il primo ascensore senza corde per grattacieli!

Il Padiglione della Sostenibilità è un avveniristico edificio autosufficiente, a zero sprechi energetici e idrici: l’energia elettrica viene prodotta da più di 1050 pannelli solari che ruotano come un girasole; l’acqua viene prodotta da un sistema di condensazione dell’umidità contenuta nell’aria.

All’interno di questo padiglione potrete scoprire le ultime novità in tema di fonti rinnovabili e innovazione energetica. Potrete inoltre divertirvi a decidere le sorti del paese con un gioco di pinball e incontrare Gnasher, una mostruosa macchina distruggi-oggetti che vi darà le dimensioni reali di quanto le risorse naturali vengano sprecate per costruire oggetti di consumo.

Padiglioni dei paesi

Si può fare il giro del mondo senza uscire da Expo 2020: sono più di 190 le nazioni che già hanno confermato la loro partecipazione al mega evento. Molte di queste hanno un padiglione dedicato con un tema specifico, creati dai migliori architetti e ingegneri di tutto il mondo.

Arte e spettacoli

Il biglietto d’ingresso dà accesso a oltre 60 spettacoli dal vivo ogni giorno e comprende anche workshop e installazione artistiche. Gli spettacoli non si fermano con il calar del sole: un fitto programma di concerti e show pirotecnici faranno divertire il pubblico di Expo 2020 fino a tarda notte.

Cibo da tutto il mondo

Tanto camminare e osservare vi mette fame? Niente paura. All’interno dell’Expo 2020 troverete oltre 200 punti ristoro che servono specialità culinarie di oltre 50 paesi, con proposte adatte a tutti i palati, tutte le diete e tutti i budget di spesa. Preparatevi ad un gustoso assaggio di sperimentazione culinaria ad altissimo livello!

Dopo aver saziato la fame avrete l’opportunità di soddisfare la vostra curiosità su come la tecnologia cambierà il modo in cui prepariamo e ordiniamo il cibo attraverso mostre, esposizioni e installazioni a tema.

Padiglione Italia all’Expo

Il Padiglione Italia all’Expo di Dubai © italyexpo2020.it

Anche l’Italia avrà un suo padiglione all’Expo 2020 di Dubai, pensato come un ideale proseguimento della positiva esperienza di Expo Milano 2015. Si tratta di un gigantesco edificio dal design contemporaneo ispirato al concept “Beauty Connects People” (La bellezza unisce le persone) volto a celebrare la bellezza italiana come elemento di connessione tra popoli, talenti e ingegno.

Nel contesto del tema dell’Expo, la bellezza italiana si fa portavoce dell’eredità culturale mediterranea e al tempo stesso diventa un ponte verso il futuro.

Il progetto Padiglione Italia

Il padiglione – attualmente in costruzione – avrà una superficie di 3500 mq e un’altezza di 25 mq. La sua collocazione tra i due padiglioni tematici di Opportunità e Sostenibilità è strategica sia perché assicura un alto afflusso di visitatori sia perché consente un’ottima visione del padiglione nel suo insieme (non sono presenti strutture che ostacolano la visione frontale e laterale). I padiglioni più vicini a quello italiano saranno Arabia Saudita, Stati Uniti, India, Germania e Giappone.

Il progetto del Padiglione Italia è il risultato di una collaborazione tra ben quattro prestigiosi architetti e studi di design: Carlo Ratti, Italo Rota, Matteo Gatto e F&M Ingegneria.

La caratteristica distintiva del padiglione sono gli scafi capovolti di tre imbarcazioni arrivate (veramente!) via mare che sono stati posti a copertura dell’edificio. Nelle intenzioni dei progettisti rappresentano il simbolo del legame indissolubile dell’Italia con l’esplorazione di terre lontane e delle relazioni con popoli diversi; il riuso degli scafi è anche un omaggio al tema della sostenibilità.

Seppur di grande impatto visivo e dai nobili intenti, questa scelta è stata criticata da studiosi di architettura e dai progettisti che non hanno vinto il concorso per il padiglione dell’Expo. Secondo alcuni gli scafi capovolti più che le gloriose avventure marinare del passato ricordano le tristi vicende contemporanee delle barche di migranti. Altri invece vedono nei tre scafi rovesciati il simbolo di un paese alla deriva, un’umiliante immagine che svilisce il ruolo dell’Italia sul piano internazionale.

Chi ha ragione? Saranno i 5 milioni di visitatori del padiglione Italia (questa la cifra stimata) a stabilirlo.

Il percorso espositivo

All’interno del Padiglione Italia il percorso espositivo è concepito come un giardino di 4 architetture:

La scelta del giardino non è casuale: in arabo giardino si dice “paradiso”, il paradiso è il luogo della bellezza per eccellenza, dunque i giardini rinascimentali italiani si possono considerare la quintessenza dell’unione armonica.

La visita al Padiglione Italia culmina con un’inedita visione prospettica del David di Michelangelo. Il visitatore-spettatore potrà ammirare una copia in bronzo in scala 1 a 1 di una delle più celebri statue del Rinascimento italiano all’altezza degli occhi anziché dall’alto al basso come nell’originale.

Biglietti per l’Expo

I biglietti per l’Expo 2020 saranno in vendita sul sito ufficiale e sui canali reseller autorizzati. Sono previsti biglietti giornalieri, pass di 3 giorni e abbonamenti stagionali più altri tipi di biglietti e abbonamenti pensati per gli operatori economici.

I prezzi indicativi dei biglietti per i visitatori sono:

Sono previsti sconti per bambini e ragazzi tra i 5 e di 16 anni e studenti di ogni età; bambini di età inferiore a 5 anni, anziani oltre i 65 anni e persone diversamente abili entrano gratis.

Si consiglia fortemente l’acquisto dei biglietti online prima della partenza per evitare lunghe code all’ingresso.

Un’altra possibilità è acquistare un pacchetto viaggio completo che comprenda volo, hotel e ingresso all’Expo. In questo caso i prezzi possono variare notevolmente a seconda dei servizi inclusi.

Foto di Expo 2020

Dove dormire durante l’Expo

L’Expo 2020 ha dato un notevole impulso all’industria alberghiera di Dubai. Nuovi hotel hanno aperto da poco, altri sono attualmente in costruzione ed apriranno prima dell’inizio dell’evento: si stima che queste nuove strutture faranno impennare il numero di posti letto in città da 65.000 a oltre 100.000.

La scelta quindi è tanta, ma si consiglia ugualmente di prenotare con largo anticipo perché eventi di questo tipo attirano un elevatissimo numero di visitatori e i migliori alberghi registrano sempre il tutto esaurito.

Scegliere dove dormire durante l’Expo 2020 dipende un po’ da qual è il focus della vostra vacanza. Se programmate di andare a Dubai appositamente per l’Expo allora è consigliabile prenotare un hotel nei dintorni del polo fieristico.

Se invece l’Expo è un pretesto per visitare anche la città valutate l’idea di soggiornare nei pressi delle principali attrazioni turistiche.

Le zone migliori dove dormire a Dubai sono Deira, dove si può vivere la vera Dubai, e l’isola artificiale di Jumeirah, un’oasi di lusso e divertimento che rappresenta uno dei progetti più folli della città. Altre zone consigliate sono Sheikh Zayed Road, Dubai Marina e la zona degli affari (tra Business Bay e Dubai Internet City).

Un’altra possibilità è dormire a Abu Dhabi: il quartiere fieristico di Expo 2020 è quasi equidistante dal centro di Dubai e di Abu Dhabi, pertanto potete scegliere di approfittare dell’evento per visitare la capitale degli Emirati Arabi Uniti. Magari le offerte hotel per Abu Dhabi sono più convenienti: perché non dare un’occhiata?

Informazioni utili

Indirizzo

Dubai - Emirati Arabi Uniti

Contatti

TEL: +971 56 538 8339

Dove si trova

Alloggi Expo 2020
Cerchi un alloggio in zona Expo 2020?
Clicca qui per vedere tutte le strutture disponibili nei dintorni di Expo 2020
Mostrami i prezzi

Attrazioni nei dintorni